Articles in Category: Interviste

Intervista ai membri del gruppo musicale tedesco "La Soldier"

Interviste

Cari amici,

come forse ricorderete (ve ne avevamo infatti parlato qui), la Germania ha ottenuto i diritti di rappresentazione del primo musical giapponese di Sailor Moon (Sera Myu), ovviamente in versione localizzata in tedesco.

Il team che rappresenterà lo spettacolo prende il nome di "La Soldier" e la première si è tenuta lo scorso 7 Aprile.

L'amministratore del sito tedesco SailorMoonGerman, ha intervistato alcuni membri del team, fornendoci una versione in inglese dell'intervista, che abbiamo quindi provveduto a tradurre per voi.

Chiediamo cortesemente di non copiare questo articolo senza creditare, perché il nostro affiliato tedesco (che ringraziamo) ha voluto espressamente che fosse nostra esclusiva, grazie.

Ma non perdiamo tempo, ecco di seguito l'intervista. : )

  • SailorMoonGerman: ciao Moonies, vi presento con piacere l'ultima intervista a cura di SailorMoonGerman. Oggi sono con Anza e Sayuri del gruppo musicale "La Soldier". Sono felice che abbiate deciso di dedicarvi all'intervista.
  • La Soldier: è un piacere.
  • Sì, assolutamente.
  • SMG: bene, cominciamo. Potete per favore presentarvi in poche parole? Chi c'è dietro La Soldier?
  • LS: certo, siamo un gruppo musicale interessato a portare i musical di Sailor Moon in Germania. Siamo una GBR (piccola compagnia tutelata dal diritto tedesco).
  • Esatto.
  • SMG: quante persone fanno parte del vostro team?
  • LS: al momento il cast si compone di 14 persone, quindi, fra tutti, siamo circa in 20.
  • SMG: com'è nato il gruppo? Chi ha avuto l'idea?
  • LS: l'idea ci venne ad un raduno tra fan di Sailor Moon; inizialmente, volevamo registrare solo qualche canzone con al massimo brevi storie collegate. Fu dopo un pò che decidemmo di fare sul serio.
  • SMG: ti lasciasti convincere? Questo mi fa pensare che tu sia una fan dei Sera Myu al 100%!
  • LS: decisamente sì. I Sera Myu mi sono molto cari e mi ci dedico al 100%.
  • SMG: come eravate agli inizi? Come arrivaste a decidere il nome "La Soldier"?
  • LS: l'inizio fu col vecchio cast alle anime convention "Chisaii" e "Contaku". In realtà però si trattava più che altro di una forma di pubblicità per noi. Il nome fu ideato da un nostro amico giapponese, e noi fummo subito d'accordo. "La Soldier" è una locuzione molto conosciuta, visto che il titolo dell'omonima canzone...
  • SMG: ecco una domanda a cui tutti probabilmente vorranno una risposta... com'è possibile che delle persone normali siano riuscite a ottenere i diritti ufficiali?
  • LS: un amico giapponese ci ha fornito i diritti, direttamente dai licenziatari. Fu sua anche l'idea di chiederli, ci disse "ehi, ascoltate, io ho dei contatti da darvi, scrivete e poi vediamo che succede". Dopo una lunga trattativa, siamo stati fortunati.
  • SMG: il vostro gruppo non è composto da attori professionisti, com'è possibile che una produzione amatoriale possa rappresentare uno spettacolo ufficiale, oltretutto senza audizioni?
  • LS: siamo una compagnia privata e si tratta di un progetto dai fan per i fan. Vogliamo dare ai fan di Sailor Moon l'opportunità di partecipare al progetto, come performer, assistenti o altro. Non c'è stato nessun casting all'inizio, ma varie persone hanno realizzato dei video in cui cantavano e ballavano, mentre altri sono venuti alle prove durante i weekend. Decideremo alla fine cosa fare, basandoci anche sulla loro disponibilità. Ad ogni modo, per il prossimo progetto, verranno fatte sicuramente delle audizioni.
  • SMG: il musical sarà in lingua tedesca. Avete ricevuto direttive dai licenziatari giapponesi, ad esempio su come riferirvi ai manga, ai nomi, alle frasi celebri, ecc.? Cosa dobbiamo aspettarci?
  • LS: dobbiamo obbligatoriamente usare i nomi originali. Abbiamo anche deciso di usare la pronuncia corretta per fare un lavoro migliore. L'unico nome diverso sarà Tuxedo Kamen che, come nella nostra versione del manga, diventerà Tuxedo Mask. Tutti gli altri saranno quelli originali, così come tutti i poteri e le formule di trasformazione.
  • SMG: avete qualche esperienza legata ai musical, al canto e al ballo?
  • LS: Anza (Natascha) ha frequentato dei corsi per diventare attrice di musical, ma anche gli altri si sono fatti le ossa, partecipando a diversi progetti, esattamente come succederebbe in una scuola professionale o in situazioni simili.
  • SMG: perché cantare le canzoni in tedesco e non in giapponese?
  • LS: è un'imposizione dei licenziatari purtroppo. Ci hanno detto che se il progetto è tedesco, anche le canzoni devono essere cantate nella nostra lingua.
  • SMG: ecco una domanda un po' inflazionata... perché vi esibirete solo nei teatri e non alle fiere tematiche?
  • LS: non possiamo fare altrimenti, da contratto possiamo performare solo a teatro, e non ho pensato di chiedere il permesso quando potevo. Ora possiamo presentare un paio di canzoni promozionali in diversi contesti, ma non di più.
  • SMG: come avete finanziato il progetto? Avete degli sponsor o pagate coi vostri soldi?
  • LS: al momento paghiamo tutto di tasca nostra, ma stiamo lavorando duro per trovare degli sponsor, e speriamo di trovarne al più presto.
  • SMG: avete qualcuno che vi aiuta nell'organizzazione o fate tutto voi? Mi riferisco al sito, ai progetti, ai meeting...
  • LS: ci aiutiamo fra noi, ma abbiamo anche dei tecnici, make up artist, macchinisti... i tecnici sono anche responsabili del nostro sito. Fanno comunque tutti parte della compagnia, quindi non ci sono aiuti esterni.
  • SMG: qual'è la vostra giornata tipo quando lavorate al progetto?
  • LS: ci incontriamo ogni due settimane, dal venerdì alla domenica, e lavoriamo praticamente tutto il giorno. Ci sono delle scadenze per preparare tutto, le coreografie, le battute, ecc., ma in sostanza sta procedendo tutto bene.
  • SMG: anche i costumi e le coreografie sono realizzate da voi?
  • LS: alcuni costumi, come anche quelli di Luna e Artemis, sono stati realizzati da me. Altri invece sono stati confezionati da un sarto professionista di Amburgo. Abbiamo due coreografi.
  • SMG: ora vi pongo un'altra domanda interessante, come avete deciso il prezzo del biglietto? Molti hanno espresso disappunto visto il costo elevato, e vorrebbero tutti sapere come verrà usato l'incasso.
  • LS: molte cose richiedono soldi, come i costumi, la progettazione del palco, il noleggio del teatro, i macchinari, le attrezzature per la persona (microfoni), la sicurezza (pompieri, ecc.), le pulizie, e molto altro. Poi ci sono pure le spese di vitto e alloggio. Dobbiamo abbattere tutti questi costi.
  • SMG: quindi voi non guadagnate nulla?
  • LS: per la miseria, no! In realtà è l'esatto contrario... stiamo sostenendo molti costi, soprattutto io. Posso dire con certezza che stiamo andando molto oltre il budget iniziale.
  • SMG: potreste realizzare CD, DVD e altro merchandise per rientrare dei costi. Siete autorizzati a farlo e, se sì, lo farete?
  • LS: non abbiamo ancora ottenuto i diritti per alcun tipo di prodotto di questo genere. Mi sono già interessata alla cosa ma attualmente non c'è verso, è troppo costoso. Per ora non c'è convenienza e non so come sarà il futuro. Attualmente però possiamo realizzare poster e cartelloni, e infatti ne prepareremo alcuni da vendere alle nostre rappresentazioni.
  • SMG: in passato ci sono state critiche a proposito dei vari cambi di cast che avete affrontato. Come mai tutte queste sostituzioni?
  • LS: purtroppo alcuni se ne sono dovuti andare per problemi di salute legati al deperimento fisico che può derivare da un'attività del genere. Quindi, l'intero cast è stato cambiato. In più, c'erano delle persone che erano in grado di ricoprire il ruolo in modo migliore. E per questo sono entrati cinque o sei attori nuovi e migliori. Cose che capitano in questo ambiente...
  • SMG: come definiresti la situazione attuale? Ci sono stati progressi?
  • LS: direi che va tutto bene. Tutti stanno facendo passi da gigante e abbiamo fatto molta strada. Sta uscendo bene, e sono molto contenta del nostro cast e di tutti gli altri. E' fantastico.
  • SMG: perché non sono ancora uscite immagini o video dei costumi?
  • LS: perché i costumi non sono ancora pronti (ride)! Saranno terminati entro Marzo, e a quel punto pubblicheremo foto promozionali di tutto il cast in costume. Quando accadrà sarà tutto bello che pronto.
  • SMG: fra i vari fan dei musical, c'è sempre stata una sorta di confronto fra voi e Yume (altra compagnia amatoriale che realizza musical su Sailor Moon). Che ne pensate di questo confronto? Siete voi stessi fan di Yume?
  • LS: il continuo confrontarci con loro è abbastanza noioso, perché bisogna considerare vari fattori e non credo ci si possa arrogare questo diritto senza le dovute conoscenze. Yume è un gruppo amatoriale che avuto delle belle idee riguardo alle canzoni e alle rappresentazioni dei Sera Myu; per questo il loro successo è ampiamente meritato. Noi però abbiamo dei diritti ufficiali e ci dobbiamo comportare diversamente, quindi trovo inutile fare confronti. I loro fan ci considerano spesso dei nemici, ma spero che presto si potranno ricredere. Noi siamo solo agli inizi, senza grosse performance alle spalle, mentre Yume ha un passato glorioso di ben dieci anni di progetti. Spero che avremo anche noi la possibilità di metterci alla prova, perché l'ultima cosa che voglio fare è causare problemi a Yume. Noi, come team, abbiamo molto rispetto e riguardi per loro.
  • Esatto.
  • SMG: come siete riusciti a invitare un'ospite giapponese? Pensate di invitarne altri?
  • LS: sì... ho incontrato Yuki Nanami al Kontaku e abbiamo parlato molto, ha saputo del progetto e le ho detto spontaneamente: "vorresti venire da noi come ospite speciale?" e ha detto di , c'era anche il suo manager, che ha detto di non vedere l'ora di partire. Anche lei è molto contenta e impaziente. L'altro ieri ci ha inviato una newsletter, e ci ha subito registrati alla sua homepage. Così tutti i suoi fan potranno sapere che lei verrà in Germania.
  • SMG: ci saranno altri ospiti?
  • LS: può darsi, ma alcuni confermeranno all'ultimo minuto se ci saranno o no. Inoltre gli altri ospiti non sono indicati nella nostra homepage. Appena avrò notizie definitive, aggiornerò immediatamente.
  • SMG: allora l'attesa è giustificata?
  • LS: sì, aspettateci con impazienza!
  • SMG: cosa farete dopo la première? Se il musical non avrà successo, che ne sarà di voi? In caso contrario, farete altri musical?
  • LS: abbiamo ottenuto i diritti per un altro spettacolo, ho tutti i documenti. Se avremo successo, continueremo con gli altri, facendo spettacoli anche in altre città. Se invece sarà un flop, non potremo fare altro che lasciar perdere.
  • SMG: che impressione hai avuto dal fandom? Cos'hai trovato di positivo e negativo fra di loro?
  • LS: abbiamo radunato molti fan, e noi come gruppo ne siamo molto felici. Il fatto che ci supportino è molto importante per noi, e come ho già detto facciamo tutto per loro. Con questo musical abbiamo allargato le nostre conoscenze e il nostro fanbase. Ciò che non ci è piaciuto è il fatto che ci è stato dato degil altezzosi e presuntuosi, da gente che non ci conosceva. Alcuni membri del gruppo sono insorti, è stato un colpo basso per noi e questo non va bene. Non si tratta di critiche ma di un vero e proprio mobbing, ed è un peccato. Comunque, abbiamo fatto molte esperienze positive e vari hanno capito che siamo dei Moonies, prima di tutto!
  • SMG: sì, è vero!
  • LS: sì!
  • SMG: devo dirvi qualcosa di personale, a me spiace molto dei vari paragoni che sono stati fatti e delle critiche, perché non sono meritate quando si mette tempo, impegno e amore in quello che si fa. Vale per voi come per tutti. Bisogna mettersi alla prova, è vero. Vedremo ad Aprile. Fino ad allora posso solo augurarvi la buona fortuna e tutto il meglio.
  • LS: grazie.
  • Grazie mille, faremo del nostro meglio.
  • SMG: volete dire qualcosa ai vostri fan?
  • LS: sì, miei cari... nostri cari fan, non vediamo l'ora di darvi il benvenuto al nostro show, sarà fantastico se ognuno di voi si presenterà, e soprattutto dopo lo show vogliamo divertirci alla grande... ci sarà un party!
  • SMG: a proposito del party del dopo show, sono ammessi solo i membri del cast o anche i fan?
  • LS: no, il party è aperto a chiunque abbia acquistato il biglietto.
  • SMG: fantastico. Il 7 Aprile ci sarò anch'io, e per le relative 24 ore farò un report continuato su Twitter, in modo che anche chi non ci sarà potrà assaporare l'atmosfera del momento. Non vedo l'ora.
  • LS: anche noi non vediamo l'ora.
  • SMG: ecco, è tutto. Grazie infinite per il tempo che mi avete dedicato per l'intervista.
  • LS: grazie anche a te.
  • SMG: buona fortuna e a presto.
  • LS: certo! Grazie ancora e tante belle cose a tutti i fan di Sailor Moon! Ciao.
  • Ciao.

La Soldier

Il SailorMoonWorld.it intervista Marco Balzarotti

Interviste

Ciao ragazzi,

oggi abbiamo l'immenso piacere di proporvi una succosa esclusiva: un'intervista a Marco Balzarotti, voce storica italiana del personaggio di Marzio/Milord (Mamoru Chiba/Tuxedo Kamen).

Marco si è dimostrato molto disponibile nei nostri confronti e desideriamo per primissima cosa ringraziarlo per il tempo che ci ha dedicato.

Ecco l'intervista, buona lettura.

  • SailorMoonWorld.it: è passato molto tempo da quando ha doppiato Marzio/Milord per l'ultima volta, che ricordi ha del personaggio e cosa le ha lasciato questa esperienza?
  • Marco Balzarotti: sì, è vero, è passata una vita! Marzio mi ha lasciato comunque dei bei ricordi. Mi viene in mente soprattutto la sua duplicità: dolce e al limite dell'imbranato nei panni di Marzio, e di colpo eroe nei panni di Milord.
  • SMW.it: come ci si sente nel sapere di aver interpretato uno dei personaggi della serie più amati dal pubblico femminile?
  • MB: sinceramente la cosa mi ha lasciato un po' sorpreso all'inizio. Anche perché “quantitativamente parlando” non è che Marzio parlasse per tutto l'episodio o fosse sempre presente. Però, sotto sotto, ha tutto quello che piace all'universo femminile: un sano mix di dolcezza e decisione.
  • SMW.it: l'anime di Sailor Moon è considerato una pietra miliare dell'animazione giapponese, cosa si prova quindi nel sapere di aver contribuito al successo di questa produzione?
  • MB: naturalmente la cosa mi inorgoglisce, segno che su un'idea già vincente di suo abbiamo saputo fare un buon lavoro per quanto riguarda l'edizione italiana.
  • SMW.it: lo show, dopo anni di oblio, è recentemente tornato sugli schermi televisivi di numerosi stati. Nonostante la prolungata assenza, il fandom di Sailor Moon è oltremodo attivo. La serie ha infatti numerosissimi estimatori a livello globale e raccoglie sempre nuovi consensi, la sorprende questo?
  • MB: credo che sia un fenomeno un po' trasversale rispetto al trascorrere del tempo. Da un lato conserva l'affetto degli attuali 30/35enni e dall'altro si procaccia il seguito delle nuove generazioni che non lo conoscevano. Del resto i temi trattati non sono per niente “invecchiati”.
  • SMW.it: lo svolgimento dell'opera è caratterizzato dall'alternarsi (spesso rapido) di scene molto ironiche e di altre seriose e commoventi. Come ha cercato di rendere al meglio questi repentini cambi di mood?
  • MB: attenendomi fedelmente all'originale giapponese. Del resto fare qualcosa di diverso rispetto al disegno avrebbe portato a risultati sicuramente distonici e avrebbe un po' falsato il tutto.
  • SMW.it: le è capitato di lavorare in coppia con Elisabetta Spinelli (voce di Sailor Moon) o con altri doppiatori della serie? Se sì, in che modo ha cercato di rendere nel modo migliore la sua interpretazione? Ricorda qualche momento in particolare?
  • MB: spesso ero da solo (tecnicamente si dice “in colonna separata”) ma mi è anche capitato di essere a microfono con Elisabetta: una fantastica professionista ma soprattutto una splendida persona dal carattere solare. Infatti ricordo con piacere i turni insieme. Erano un vero e proprio concentrato di sorrisi e buonumore!
  • SMW.it: come si è avvicinato al mondo del doppiaggio?
  • MB: ho avuto la fortuna di iniziare nei primi anni ottanta in pieno boom del doppiaggio. Così mi sono trovato in fretta dei ruoli di contorno ai protagonisti. Per questo devo ringraziare i direttori di doppiaggio di quel periodo che hanno puntato su di me anche se ero un perfetto signor nessuno.
  • SMW.it: a quale personaggio da lei doppiato nel corso della sua carriera è più legato?
  • MB: di solito mi si cita per Batman o per Sirio dei Cavalieri Dello Zodiaco. Io però ho un particolare ricordo del protagonista del film "La Tempesta Del Secolo" di Stephen King: è uno sceriffo che deve cedere il proprio figlio al demonio per salvare, in cambio, la comunità della piccola isola del Maine in cui vive. Proprio in quel periodo stavo per diventare papà, così mi sono sentito particolarmente coinvolto.
  • SMW.it: che consigli vorrebbe dare a chi vuole intraprendere il suo stesso mestiere?
  • MB: a chi vuole intraprendere questo mestiere consiglio di non prenderla sottogamba o come un ripiego. Il doppiaggio non è il rifugio degli attori falliti ma una professione a se stante, una sorta di specializzazione che richiede continua applicazione e un'attenzione quasi maniacale alle sfumature. Se a tutto ciò aggiungiamo gli attuali ritmi industriali di lavorazione...
  • SMW.it: grazie di cuore per il tempo che ci ha dedicato Marco, vuole salutare i suoi fan?
  • MB: un grosso abbraccio via Web a tutte le “testoline buffe”!!!

Ma non è finita qui! Ecco un esclusivo messaggio audio in cui il doppiatore saluta affettuosamente i suoi fan e tutti gli utenti e amici del SailorMoonWorld.it!

P.S. se volete scoprire maggiori informazioni su Marco, potete visitare il suo sito ufficiale.

Intervista Marco Balzarotti

Il SailorMoonWorld.it intervista Marco Albiero

Interviste

Ciao ragazzi,

siamo oggi in grado di presentarvi, in esclusiva per il SailorMoonWorld.it, un'intervista con Marco Albiero, il disegnatore italiano incaricato da Backstage, Toei Animation e Naoko Takeuchi di realizzare le illustrazioni per la creazione della nuova style guide internazionale di Sailor Moon, sotto la diretta supervisione dell'autrice.

Passiamo quindi subito all'intervista, buona lettura.

  • SailorMoonWorld.it: ciao Marco, grazie per l'opportunità che ci hai concesso, vuoi presentarti?
  • Marco Albiero: ciao a tutti gli utenti del SailorMoonWorld.it, mi chiamo Marco Albiero e sono un illustratore.

Marco Albiero 1

  • SMW.it: come hai iniziato a fare il disegnatore?
  • MA: ho sempre disegnato sin da piccolo e ho iniziato a pubblicare i miei lavori all'età di 16 anni.
  • SMW.it: com'è cominciata la tua collaborazione con Backstage e Toei Animation?
  • MA: nel 2009 sono stato contattato da Kappa Edizioni, con la quale ho collaborato per le illustrazioni relative alle prime 2 stagioni di Sailor Moon e parte della terza (mentre per la terza, la quarta e la quinta sono in diretto contatto con Backstage), in merito a questo progetto. Lo staff di Kappa Edizioni mi fece fare delle prove di disegno. I lavori sono stati poi inviati a Toei Animation che, dopo un’attenta valutazione ed in seguito all’approvazione da parte della Sig.ra Naoko Takeuchi, mi ha scelto per illustrare le pose dei personaggi della style guide.
  • SMW.it: sappiamo che sei fan della serie, cos'hai provato nel venire a conoscenza di essere stato scelto (tra diversi illustratori) per curare una produzione del genere?
  • MA: quando mi dissero che i miei disegni erano stati scelti dall'autrice non credetti alle mie orecchie, non mi sembrava vero... e ancora non ci credo. Sailor Moon è una serie che ho sempre amato e il poterci lavorare ufficialmente mi sembra un sogno.
  • SMW.it: ci spieghi cos'è una style guide?
  • MA: la style guide è una raccolta di immagini e regole per l'utilizzo e la lavorazione di un brand/property (prodotto/marchio o serie) che appartiene ad un licenziante (colui che ne detiene i diritti), per la creazione di vari articoli di merchandising (editoria, gadgettistica, home video, food, giocattoli, etc.).
  • SMW.it: hai già lavorato ad altre style guide in precedenza?
  • MA: sì, ho già collaborato con Marathon fornendo alcune illustrazioni per l'ultima style guide delle "Totally Spies" e per quella dei "Gormiti Eclissi Suprema". Sailor Moon è stata la prima serie giapponese per la quale ho disegnato una style guide!
  • SMW.it: è stato complicato replicare fedelmente il tratto dei character designer originali?
  • MA: mi è sempre piaciuto disegnare in "stile Sailor Moon" e mi risulta molto facile, anche se devo ammettere che inizialmente, per arrivare all'approvazione definitiva di un'illustrazione, ho dovuto ricevere diverse correzioni da parte dei miei supervisori (che ringrazio molto per il lavoro svolto).
  • SMW.it: qual è lo stile che preferisci?
  • MA: indubbiamente quello della Sig.ra Naoko Takeuchi, ma per quanto riguarda l'animazione direi quello di Ikuko Itoh.

Marco Albiero 2

  • SMW.it: qual è il personaggio che reputi più difficile da disegnare?
  • MA: personaggi particolarmente difficili non ce ne sono, ma ovviamente impiego più tempo a disegnare un character con i capelli particolarmente lunghi, questo perché ci tengo a curare molto i dettagli.
  • SMW.it: e il più facile?
  • MA: senza dubbio Amy Mizuno/Sailor Mercury, ma paradossalmente è stato il personaggio per il quale ho ricevuto il maggior numero di correzioni. Per contro, i character di Chibiusa e Hotaru Tomoe/Sailor Saturn sono stati quelli che hanno subito meno revisioni da parte dello staff Toei.
  • SMW.it: come si è svolta la proceduta di realizzazione ed approvazione delle illustrazioni di Sailor Moon?
  • MA: inizialmente mi sono stati forniti da Toei Animation i settei in bianco e nero e i settei color originali dei personaggi principali, assieme a una lista dei character e degli elementi da disegnare. Quest'ultima è composta da pose action (dinamiche), statiche, turn around, situational, oggetti magici e background. Per la scelta delle pose e di molti altri aspetti ho libertà, ma devo ovviamente soddisfare le richieste dei committenti, tenendo quindi in considerazione le esigenze di possibili licenziatari e della property. Una volta pronti i disegni li inoltro a Backstage che, se li ritiene idonei, provvede a girarli a Toei, la quale li supervisiona e mi segnala le correzioni eventualmente richieste. Una volta effettuate queste ultime dal sottoscritto, il disegno finalizzato viene presentato da Toei alla maestra Naoko Takeuchi che, dopo un'attenta analisi ed eventuali altre richieste di correzioni, dà la sua approvazione all'illustrazione, che diventa così ufficiale a tutti gli effetti.
  • SMW.it: qual è il tuo personaggio preferito?
  • MA: Sailor Moon, anche se raramente i personaggi protagonisti mi piacciono... questa è infatti una delle poche eccezioni. Forse perché Sailor Moon non ha la perfezione che generalmente viene attribuita ai protagonisti di molte altre serie e di lei apprezzo sia i lati postivi che quelli negativi, se così possiamo chiamarli.
  • SMW.it: oltre alla style guide di Sailor Moon, di cosa ti occupi attualmente?
  • MA: sto realizzando delle illustrazioni per i libri di "Milla & Sugar" (Edizioni Piemme/Battello A Vapore), inoltre collaboro con Play Press per "Bella Sara", "Tom & Jerry", "Scooby Doo", realizzo il Clean Up del Character Design dei personaggi non umani di una serie Franco/Canadese "Redakai 2" (per Milanima/Marathon) e ho altri progetti che sono ancora top secret. ^_=
  • SMW.it: e... un'ultima domanda, cosa ne pensi del nostro sito?
  • MA: lo visito ogni giorno, non sto scherzando, è la miglior risorsa per essere sempre aggiornati sulle novità di Sailor Moon nel mondo!
  • SMW.it: Marco ti ringraziamo per la gentilezza e per il tempo che ci hai concesso, buon lavoro!
  • MA: grazie, voglio inoltre salutare tutti i fan di Sailor Moon e ringraziare di cuore tutti quelli che mi scrivono per complimentarsi. Ringrazio poi ulteriormente Andrea Baricordi, Massimiliano De Giovanni e Andrea Pietroni di Kappa Edizioni, la mia supervisionatrice Elena Grazioli di Backstage, Toei Animation, la maestra Naoko Takeuchi e ovviamente voi per il fantastico lavoro che svolgete!

Marco Albiero 3

Il SailorMoonWorld.it intervista gli utenti YouTube!

Interviste

Ciao ragazzi,

oggi vi presentiamo una nuova iniziativa del nostro sito.

In collaborazione con alcuni famosi videorecensori appassionati di Sailor Moon, abbiamo realizzato delle video interviste (che trovate anche all'interno del nostro canale YouTube e di quelli delle persone intervistate).

In queste video interviste abbiamo posto ai gentili youtubers una serie di domande, toccando diversi argomenti riguardanti le differenti incarnazioni dell'opera, come l'anime e il manga, e facendoci raccontare impressioni, ricordi e testimonianze riguardanti la serie.

Vi proponiamo di seguito il primo set di interviste.

Le videointerviste continueranno, quindi... stay tuned! ;)

Intervista doppia a Carlo Cavazzoni (Dynit) e Francesco Meo (GP Publishing)

Interviste

Postiamo oggi un’interessante intervista (ad opera del sito Comicsblog.it) a Carlo Cavazzoni (executive director di Dynit, che proporrà la serie animata in DVD) e Francesco Meo (publishing manager di GP Publishing, che propone il manga).

1) Come mai abbiamo dovuto aspettare tutto questo tempo?

Carlo Cavazzoni: Noi facciamo parte di un gruppo di aziende che hanno deciso di investire nel rilancio di Sailormoon che è partito dai licenziatari Giapponesi. Dynit ha comprato soltanto i diritti home video per il circuito tradizionale e di conseguenza non siamo in rapporti diretti con i giapponesi, ma lo siamo con l’azienda che gestisce i diritti per l’Europa; quindi non siamo a conoscenza di tutti i retroscena.
Personalmente penso che per rilanciare un marchio così importante, una serie classica molto amata dal pubblico, ci possa essere bisogno di ritirarla per un po’di tempo dal mercato per poi, coinvolgendo il maggior numero di partner possibili, rilanciarla nel mercato in grande stile.

Francesco Meo: Molto semplicemente perché la signora Takeuchi, l’autrice dell’opera, non è stata interessata a valutare una riedizione per diverso tempo. La cosa si è sbloccata solo recentemente per la felicità di tutti.

2) Nell’edizione userete i nomi originali o quelli italiani?

C: Noi abbiamo acquisito con i diritti il doppiaggio storico e di conseguenza avremo i nomi del primo adattamento italiano televisivo. I nomi originali saranno ripristinati con l’ausilio dei sottotitoli.

M: Quelli originali, come da richiesta della signora Takeuchi.

3) Diteci qualche particolarità dell’edizione italiana.

C: Avremo 2 tipi di edizioni: una a dischi singoli e una in cofanetto a tiratura limitata. Per quanto riguarda l’edizione a dischi singoli, riguarderà la prima serie e sarà di 12 DVD e ogni cover sarà anche un adesivo. Una cosa simile avverrà anche per i cofanetti che però vanteranno una grafica diversa, stiamo finendo di definire in questi giorni i dettagli.
I DVD avranno i sottotitoli in italiano e anche l’audio giapponese. I sottotitoli saranno fedeli ai dialoghi giapponesi; ci stiamo occupando ora della traduzione e adattamento. I dischi conterranno le sigle italiane. Nel cofanetto ci sarà un booklet esclusivo dove andremo ad evidenziare le parti che erano state tradotte in modo sommario o con molta libertà. Chiaramente la traduzione sarà fedele all’originale.

M: L’edizione sarà doppia, per cercare di accontentare tutti gli appassionati allo stesso momento. Ci sarà un’edizione da edicola e fumetteria a 4,50 € (contenente anche le pagine a colori) e un’edizione di pregio a 5,90 € solo per fumetteria e librerie con confezione e materiali di lusso. Per il resto tutto è stato fatto ex novo: traduzione, adattamento e lettering.

4) Quando sarà messo in vendita?

C: Stiamo lavorando adesso sui materiali. La buona notizia è che abbiamo deciso di rifare tutto il processo di produzione. Di conseguenza stiamo lavorando sui materiali originali giapponesi per rifare tutta la trascodifica in PAL e di conseguenza offrire quel marchio di garanzia che credo soltanto Dynit può dare oggi nel mercato dell’animazione giapponese. Speriamo quindi di poter offrire il massimo della qualità audio/video possibile.

M: Dal 4 novembre con un’anteprima qui a Lucca Comics & Games. Non abbiamo portato moltissime copie perché non vogliamo danneggiare le vendite delle fumetterie, ma abbiamo cercato di accontentare gli appassionati che ci sono venuti e verranno a trovare allo stand. Domenica 31 c’è la conferenza di presentazione.

5) Farete particolari attività promozionali per lanciarla?

C: Si, in linea con i nostri lanci promozionali. Oltre ai DVD, Dynit ha acquisito i diritti anche di parte del merchandising. Faremo infatti una serie di adesivi che verranno lanciati in edicola. Se tutto va bene dovremo essere pronti per l’uscita a gennaio 2011.

M: Assolutamente . Ci saranno i cartonati promozionali da edicola e il lancio del magazine ufficiale di 50.000 copie che avrà – fra i regali – il preview book gratuito del manga a uso e consumo di chi non conoscesse l’opera, ci sono i poster in omaggio alle fumetterie che hanno aderito alla promozione, un sito web dedicato, la preview online, una cross promotion con altri licensee grazie all’appoggio di Backstage Licensing, una festa esclusivissima a Lucca… e mi dimentico sicuramente varie cose che stiamo o abbiamo organizzato.

6) Secondo voi è un prodotto per nostalgici o ha anche un pubblico moderno?

C: Secondo me è un prodotto fatto per accontentare sia gli uni che gli altri.

M: Entrambi.

7) E’ più bello l’anime o il manga?

C: (Ahahah) Mi verrebbe da dire che è più bello l’anime ma non perché ce l’abbiamo noi, diciamo che nell’anime ci sono i colori. Non lo so, Sailormoon l’ho sempre visto come, forse sembra una banalità, una serie molto colorata, con dei disegni splendidi e non so quanto un manga in bianco e nero per quanto sia fatto benissimo possa rendere questo aspetto. Ovviamente ne renderà altri come un approfondimento maggiore della storia.

M: Ehm… se il cartone animato funziona (e sta funzionando molto bene) il manga ne guadagnerà in notorietà.

8 ) Vuoi dire qualcosa al tuo collega?

C: Complimenti per l’edizione manga! L’ho vista e mi sembra ben fatta!.

M: In bocca al lupo! Avete scelto una licenza davvero ottima.”

Fonte: Comicsblog.it